Dimensione del carattere 

Mercoledì 24 luglio 2024

Piercarlo Fabbio Sindaco di Alessandria

   
   

   

Ricerca avanzata

19/06/2023

Una nuova prospettiva?

Superare le divisioni, uniti al centro sui valori della dottrina sociale cristiana. Una riflessione di Ettore Bonalberti

   

Una nuova prospettiva?

Con la morte di Silvio Berlusconi il centro della politica italiana vivrà un profondo rivolgimento. La scelta al Cavaliere dell’adesione di Forza Italia al Partito Popolare Europeo, suggerita da Sandro Fontana e da don Gianni Baget Bozzo, fu una di quelle strategiche più importanti, che assegnarono al partito di Berlusconi un ruolo decisivo negli equilibri interni del partito europeo.

Non a caso Marcello Pera è intervenuto in questi giorni per sollecitare una scelta della Meloni e di Fratelli d’Italia sulla strada a suo tempo intrapresa da Berlusconi, nel momento in cui lo stesso PPE va alla ricerca di un partito forte italiano in sostituzione di Forza Italia, che sembrerebbe destinata a un’inevitabile erosione, se non drammatica implosione, tra filo meloniani e filo leghisti. Sbaglieremmo, però, come fa Travaglio e il Fatto Quotidiano a ridurre il partito del Cavaliere a un gruppo di potere che, dopo la morte di Berlusconi si dividerà tra Fratelli d’Italia e Lega. Ritengo, infatti, che l’essere Forza Italia l’unico partito italiano  che si riconosce nel PPE, lasci uno spazio non solo di sopravvivenza, ma anzi di crescita in un nuovo partito PPE Italia che, superando Forza Italia, che da molti è stata vista come partito di gestione troppo personale, raggruppi tutte le forze di centro. Un partito nel quale, finalmente, trovi una sua concreta presenza, la componente di matrice cattolico democratica, liberale e cristiano sociale.

Ciò presuppone impegnarci tutti insieme a superare le nostre divisioni e a costruire la lista unitaria dei DC e Popolari alle prossime elezioni europee. Elezioni che, grazie alla legge elettorale con preferenze, ci libera dalla necessità di alleanze a destra o a sinistra. E’, d’altronde, evidente, che lo sbarramento al 4%, imponga l’unità di tutte le diverse anime della nostra articolata area politico culturale, considerando che, da soli, non si va da nessuna parte.

Se, alle europee, le discriminanti dovrebbero essere quelle dell’adesione senza riserve alle scelte euro atlantiche dei padri fondatori e l’appartenenza al Partito Popolare Europeo, alle prossime elezioni regionali e in vista di quelle politiche, l’obiettivo sarà quello di costruire un centro ampio e plurale nel quale possano confluire le grandi culture politiche che hanno fondato la repubblica: popolare, liberale, socialista e repubblicana. Un centro alternativo alla destra nazionalista e sovranista, distinto e distante dalla sinistra alla ricerca della propria identità, oggi ridotta alla condizione di un “ partito radicale di massa”. Alle regionali e alle politiche, dopo la verifica del voto europeo, questo centro ampio e plurale potrebbe rappresentare il rifugio di larga parte di quell’elettorato che da troppo tempo è renitente al voto, estraneo al bipolarismo forzato, favorito da una legge elettorale dimostratasi incapace di esprimere l’equilibrio reale degli interessi e dei valori presenti nella società italiana.

Sarebbe da suicidi non cogliere quest’opportunità e lasciare campo aperto all’iniziativa della Meloni e di Fratelli d’Italia, pronta a raccogliere parte importante dell’eredità politica di Forza Italia, e verso la quale molti dei “cattolici della morale” e dell’area più moderata hanno espresso sin qui adesione.

E’ tempo del coraggio e di raccogliere sino in fondo l’appello della lettera spedita nei giorni scorsi da Papa Francesco ai dirigenti del Partito Popolare Europeo, con la quale ha richiamato la necessità di rifarsi ai valori dei padri fondatori e ai principi essenziali della dottrina sociale cristiana.

 

Ettore Bonalberti

Venezia, 14 Giugno 2023

 

 

 

 

 

 

 

 

Piercarlo Fabbio Sindaco di Alessandria