Dimensione del carattere 

Martedì 28 maggio 2024

Piercarlo Fabbio Sindaco di Alessandria

   
   

   

Ricerca avanzata

03/03/2024

Alfonso Luzzi nuovo presidente nazionale MCL

Presidente del Consiglio Generale: Tonino Inchingoli. Piercarlo Fabbio eletto segretario del Consiglio Generale. Nell’esecutivo nazionale il Presidente regionale MCL: Marco Margrita

   

Alfonso Luzzi nuovo presidente nazionale MCL

Alfonso Luzzi è il nuovo Presidente generale del Movimento Cristiano Lavoratori. Lo ha eletto all’unanimità, ieri, sabato 2 marzo, a Roma, il Consiglio nazionale del Movimento, riunito per la prima volta, dopo il rinnovo congressuale, nella Sala Risorgimento dell’Hotel Massimo d’Azeglio di via Cavour.

Alfonso Luzzi, di origini abruzzesi, sessantacinquenne, sposato, con due figli, una solida esperienza all’interno del MCL come vicepresidente vicario e direttore generale del Patronato Sias, sostituisce Antonio Di Matteo, che ha guidato il Movimento dal 2021. Luzzi è anche componente del CNEL ed è membro del cda di EZA (European Centre for Workers’ Question).

Tra le priorità indicate dal neopresidente, da individuare alcune parole chiave: chiarezza, trasparenza, merito, lavoro, territorio e attenzione ai giovani e alle donne. Riprendendo l’invito del cardinale Zuppi al Congresso Nazionale del febbraio scorso, Luzzi ha ricordato come occorra camminare insieme, nell’impegno verso il mondo del lavoro e verso la pace, in piena unità con la Chiesa.

Sento forte la responsabilità di presiedere un Movimento che rappresenta un pezzo importante della storia dell’associazionismo cattolico – ha ricordato Luzzi nel suo discorso al Consiglio – e sento il peso dell’eredità dei Presidenti che mi hanno preceduto, soprattutto della figura del fondatore: Giovanni Bersani”. E ancora “Ogni dirigente MCL, ogni consigliere deve poter sviluppare una propria capacità di iniziativa, narrarla, farla conoscere. Chiedo a tutti noi di lavorare con impegno per poter consegnare il movimento ai giovani e per la valorizzazione delle donne, sia nel numero, sia nel ruolo.”. E già oggi il Consiglio Generale è composto da un terzo di under 35. Ai giovani, con una modifica statutaria votata dal Congresso, sono stati assegnati spazi raddoppiati rispetto al passato, così come sono stati integrati nell’esecutivo tutti i Presidenti regionali.

 

I lavori del Consiglio Generale del 2 marzo

 

Del Consiglio Generale fa parte Piercarlo Fabbio, presidente provinciale MCL di Alessandria, che l’assemblea romana ha eletto come suo segretario.

Il parlamentino del Movimento, eletto dal Congresso nei primi giorni di febbraio, e composto da circa 140 consiglieri, compresi i giovani e i rappresentanti delle delegazioni estere, ha terminato il rinnovamento della classe dirigente per i prossimi anni. Insieme al Presidente Luzzi, votato all’unanimità, sono stati scelti il nuovo comitato di Presidenza e l’Esecutivo nazionale, di cui fa parte il Presidente regionale del Piemonte Marco Margrita. Vicepresidente vicario: Guglielmo Borri. Segretario generale: Vincenzo Massara.

L’assemblea ha eletto all’unanimità anche il nuovo Presidente del Consiglio Generale. Un grande applauso ha infatti accolto la candidatura di Tonino Inchingoli, storico segretario generale MCL, che già al Congresso aveva dato l’addio al ruolo che aveva caratterizzato il suo impegno per oltre vent’anni di attività.

Ha salutato e ringraziato il Consiglio anche il presidente emerito Tonino Di Matteo, che verrà presto chiamato ad altri importanti incarichi per il Movimento.

 

 

La soddisfazione del MCL di Alessandria

 

“Una grande soddisfazione come alessandrini abbiamo avuto per la scelta di Alfonso Luzzi a cui facciamo i nostri auguri di buon lavoro, perché la collaborazione della nostra Unione provinciale con il neopresidente Luzzi è cresciuta moltissimo negli ultimi anni, al punto che il Congresso provinciale di Alessandria è stato proprio presieduto, a metà novembre, dallo stesso Alfonso Luzzi. Gli amici così hanno potuto sentire in anteprima le linee portanti del suo futuro lavoro e la sua disponibilità a partire dal basso per ottenere un miglioramento sostanziale del servizio del Movimento alla comunità. Ci uniscono anche le sue valutazioni sul lavoro sotto retribuito e povero, sulla sicurezza e salute negli ambienti di lavoro, sulla conciliazione lavoro-famiglia. Temi sui quali ci impegniamo da tempo e sui quali intendiamo fare di più: i nostri uffici di Caf e Patronato, così come quelli di tutta Italia, raccolgono quotidianamente questo disagio a cui occorre dare al più presto una risposta strutturale”.

 

 

 

Foto di Roberto Cristiano

 

 

 

 

 

Piercarlo Fabbio Sindaco di Alessandria