Dimensione del carattere 

Venerdì 13 dicembre 2019

Piercarlo Fabbio Sindaco di Alessandria

   
   

   

Ricerca avanzata

02/04/2008

Infrastrutture per fare ripartire il Piemonte

L'on. Claudio Scajola ad Alessandria: un Pil equiparato al resto d'Europa e salari più alti per i lavoratori dipendenti. Il resoconto de Il Giornale del Piemonte

   

Infrastrutture per fare ripartire il Piemonte

Guardare in faccia la gente, convincendo anche chi lo è già fino all'ultimo giorno. Claudio Scajola, ex ministro, tra i fondatori prima di Forza Italia e poi del Popolo della Libertà, presidente del Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica, ieri pomeriggio al teatro Comunale incontrando cittadini, associazioni di categoria e mondo economico, ha ribadito l'importanza di fare una campagna elettorale sul territorio. «In televisione va il presidente Silvio Berlusconi, noi ci dobbiamo confrontare con la gente, perché il risultato va conquistato un giorno dopo l'altro ed è acquisito solo quando il verbale delle urne viene . trasmesso in prefettura e si fanno i conti». Un risultato che, comunque, per il Popolo della Libertà sarà di successo. “Vinceremo bene - ha detto Scajola - anche al Senato, grazie sicuramente al contributo del Piemonte, forti delle buone indicazioni che nella primavera scorsa in occasione delle Amministrative sono arrivate proprio da Alessandria che ha scelto un sindaco molto capace come Piercarlo Fabbio”.
Quel Piemonte che come tutto il Nord Ovest si conferma una terra importante, “nella quale la ripresa della Fiat è stata molto utile, ma che ha bisogno di un sistema infrastrutturale rafforzato per rendere più efficiente il mondo dell'impresa”. Due sono infatti le grandi emergenze nazionali da affrontare: fare ripartire l'Italia attraverso un Pil che sia equiparato al resto d'Europa e garantire salari più alti ai lavoratori dipendenti attraverso una politica dello sviluppo che aumenti la ricchezza per ridistribuirla, tagliando i rami secchi. Una politica che ha bisogno di uomini come Scajola, ministro in pectore dello Sviluppo economico. “Un uomo - ha sottolineato Franco Stradella, parlamentare uscente di nuovo candidato - con il quale bisogna lavorare sodo, centrando a tutti i costi l'obiettivo. Uno di quei personaggi del quale il Paese ha bisogno”. “Per risolvere - ha rimarcato Massimo Berutti, coordinatore provinciale Fi Pdl - problematiche ed esigenze del nostro territorio, troppo spesso dimenticato, soprattutto in questi due fallimentari anni nei quali Romano Pro di, con il sostegno di Walter Veltroni, ha malgovernato l'Italia”.
Un uomo, un politico, un amministratore come occorre portarne tanti al governo, “guardando la gente negli occhi per convincerla - ha ribadito Fabbio - che questa è la strada giusta per passare davvero dalla prima alla seconda Repubblica, intendendo il periodo dal 1992 al 2008 come una fase di transizione verso la semplificazione e il cambiamento. Una seconda repubblica dove il federalismo fiscale è importante e che•pone al centro dell'azione la .persona, quella stessa che fa il Popolo della libertà. Se infatti ci si è mossi dal popolo per essere nuovo partito, non bisogna dimenticare di essere parte di quel popolo, continuando a entusiasmare la gente con le nostre idee”.
Un partito in cui tutti si sono rimessi in discussione, “per semplificare il quadro - ha concluso Scajola - e arrivare a formare una buona classe dirigente”.

Elena Girani
Da “Il Giornale del Piemonte” - Martedì 1° Aprile 2008 – pagina 9


Photogallery

           

           

 

 

 

 

 

Piercarlo Fabbio Sindaco di Alessandria