Dimensione del carattere 

Sabato 21 ottobre 2017

Piercarlo Fabbio Sindaco di Alessandria

   
   

   

Ricerca avanzata

11/06/2017

Come Custer a Little Bighorn: 5R

Oggi si può votare. Sono stati cinque anni pessimi e il PD che ha le più grandi responsabilità ha tentato di portare l'attenzione ancora al passato. È rimasto solo, circondato dagli altri che hanno ritenuto il dissesto essere una bufala! Buon voto!

   

Come Custer a Little Bighorn: 5R

Alessandria voto contro il dissesto

5 righe… di giornata
 

di Piercarlo Fabbio

 

Si vota, o meglio, oggi si può votare, visto che nelle ultime tornate gli astenuti sono stati molti. Di che si è parlato nella campagna elettorale smilza e poco intensa che abbiamo trascorso nel tempo di un battito di ciglia? Di nulla che riguardi il futuro della città, o meglio, se qualcuno ne ha fatto timidissimo cenno, i giornali si sono guardati ben bene di propalarlo. Di contro molti gli insulti da suburra sui social, ove però è venuto fuori un altro fenomeno che peraltro si conosceva: la stragrande maggioranza di chi partecipa ai blog non ha neppure la minima idea dei fatti e della complessità di ciò di cui discute. Abbiamo inventato il bar virtuale e ci beiamo di metterci la faccia per dire banalità o, al meglio, gravi inesattezze. Ci scopriamo sapendo di farlo in cambio di una notorietà d'accatto. Neppure quelli che avrebbero dovuto sapere, hanno ritenuto di correggere il tiro, probabilmente perché non ne avevano interesse politico. Conseguenza? Una grande bolla comunicativa dove è passato di tutto, ma la verità si è anche allontanata.

Qualche illuso riteneva non potesse venir tirata fuori dal PD la storia del dissesto, se non altro per autoprotezione del partito. Invece sono stati proprio loro a scatenare la guerra e si sono trovati come il generale Custer a Little Bighorn... circondati da tutti gli altri, anche da coloro che avevano in un primo tempo condiviso o dovuto accettare una decisione che oggi appare - alla luce di conti, provvedimenti del Ministero e altre vicende connesse - assurda e inopportuna. Un gravissimo errore, insomma che la città ha pagato per cinque anni. Solo il sindaco uscente e i suoi accoliti hanno fatto quadrato. Altri se la sono svignata. Altri ancora, viste le risultanze della contabilità dei commissari indicati dal Presidente della Repubblica Napolitano, hanno dovuto a malincuore far sapere di aver sbagliato. Altri hanno deposto le armi arrendendosi: è stata una decisione politica e i modi per evitare di prenderla erano molti. Anche solo aspettare e approfondire avrebbe giovato ad Alessandria, ma il furore iconoclasta di chi si sentiva "immensa" per poter adeguare alle sue opinioni sgangherate i media di servizio, ha avuto la meglio su una pacata riflessione amministrativa.

Ecco, da qui parte un insegnamento: in politica le scorciatoie, lo scaricare semplicemente le colpe agli altri non pagano mai. Nel breve possono darti consenso, ma alla prova del tempo, la verità viene a galla e ti schianta.

Quale il tema più scabroso in merito? Aver confuso dissesto con patto di stabilità, vantaggi per il Comune di Alessandria con danni allo stesso, ma quando il populismo giustizialista preme su mediocri personaggi questi sono i risultati. E in questi ultimi cinque anni sono stati pessimi. Speriamo non si sbagli oltre, perchè di incertezza si può morire. Buon voto!

 

Piercarlo Fabbio

 

(230) Alessandria 11 giugno 2017

 

 

 

 

 

 

Piercarlo Fabbio Sindaco di Alessandria