Dimensione del carattere 

Domenica 8 dicembre 2019

Piercarlo Fabbio Sindaco di Alessandria

   
   

   

Ricerca avanzata

09/01/2006

I Ds devono spiegare o lo hanno già fatto fin troppo bene?

Qualche brano per poter riflettere sul rapporto tra affari e politica, in attesa di chiarimenti e, soprattutto, della caduta di tutte le ipocrisie.

   

Qualche ragionamento per un dibattito:
 

1) Fassino, tornato dal Messico, ha rotto gli argini e adesso tracima parole da tutte le parti. Una lenzuolata su Repubblica, un’intervista al TG3, ma già si annunciano altre esternazioni fluviali: purtroppo per lui, però, l’abbondanza di vocaboli non riesce a nascondere l’evidente carenza di argomenti. Risultato: molti insulti, troppi imbarazzi, nessuna spiegazione. (Mario Giordano, Il Giornale, 9 gennaio 2006)
2) Fassino sapeva benissimo chi era davvero Consorte, ma gli premeva che le Coop prendessero la BNL. (Gianpaolo Pansa)
3) Non si possono fare le stesse cose di quelli che diciamo di voler combattere. Un errore illudersi di poter vincere con la finanza rossa. (Valentino Parlato)
4) I Ds al tempo del Governo d’Alema “entrarono a Palazzo Chigi con le pezze al culo e ne uscirono miliardari” (Marco Travaglio)
5) Vogliamo un’adeguata spiegazione politica di quella provvista generosa di denari messi insieme in quote percentuali identiche da Giovanni Consorte e Ivano Sacchetti (Tesoriere Ds, ndr). Cinquanta milioni di euri sono cento miliardi di vecchie lire. Qualcosa di simile alla provvista Enimont. Questi soldi hanno incominciato a passare di mano quando il premier di sinistra D’Alema sosteneva i “capitani coraggiosi” dell’Opa Telecom. D’Alema e i suoi hanno sostenuto i capitani coraggiosi e gli ex capi delle cooperative ora dimissionari, e hanno in modo obliquo segnalato la loro continuità e solidarietà politica a un personale di gestione di banche, assicurazioni popolari, gruzzoli mobiliari e patrimoni immobiliari ora sotto inchiesta per diversi reati. Sono stati politicamente parte di una rete amica e trasversale, di soldi e di potere… non è uno di quei dettagli che si possono cancellare ricorrendo alla denuncia di un grande disegno di annientamento della forza politica costituita dagli ex comunisti. (Giuliano Ferrara, Il Foglio, 30 dicembre 2006, per questo articolo D’Alema ha annunciato querela contro il direttore del quotidiano)

 

 

C’è anche d’altro, ma mi pare che questo basti per rispondere alla domanda del blog. Buon commento!

 

 

 

 

 

Piercarlo Fabbio Sindaco di Alessandria